Festa aquiloni

Anche quest’anno i Bravi Ragazzi hanno partecipato alla Festa degli Aquiloni a Gemona del Friuli.

Appuntamento storico per l’associazione e per tutti coloro che hanno dipinto insieme ai writers nostrani!

Cliccando sull’immagine qui sotto è possibile guardare la PhotoGallery

 

BR_ES_Festa aquiloni2013_026_FkP

ES2013_photo

 

Presso piscina ATLANTIS (Via Velden, Gemona del Friuli)

Ore 10.00 inizio esibizione writing
Ore 15.00 Elementi digitali

Dalle 15.00 alle 17.00 Street Art e Writing (laboratorio a cura di MACROSS)
Dalle 15.00 alle 17.00 Costruiamo assieme l’italia (laboratorio)

Dalle 17.30 alle 19.00 Senza voltare pagina (incontro di microletteratura di DRETeLEDROS)

Presso la palestra ISISI Via Praviolai (a due passi da Via Velden)

Ore 18.00 inaugurazione con autorità e aperitivo
Apertura chioschi

ORE 21.00 ON STAGE

SISYPHOS ZION TRAIN
Foto Alice BL Durigatto

Lo scorso 28 Febbraio il Centro Socio Riabilitativo Educativo di Gemona del Friuli ha compiuto 30 anni. Era infatti il 1983 quando, per la prima volta negli spazi dell’allora Scuola Elementare di Campo Lessi, si aprivano le porte di quella struttura che per tre decenni si è proposta di offrire un supporto quotidiano alle persone con disabilità del gemonese e alle loro famiglie.

Da allora per circa 220 giorni all’anno, aprendo settimanalmente dal lunedi al venerdi dalle 8:30 alle 16:00, il CSRE ha proposto esperienze educative e interventi di assistenza con l’obiettivo fondamentale di promuovere l’autonomia e valorizzare l’espressione delle notevoli potenzialità presenti nelle persone che lo frequentano.

Ad oggi gli operatori, in parte dipendenti dell ASS n’3, in parte soci della Cooperativa Itaca, lavorando in modo integrato con gli altri Servizi Territoriali e Dipartimenti dell’ Azienda Sanitaria (in particolare con il Servizio Sociale dei Comuni, il Distretto Sanitario e il Dipartimento di Salute Mentale) si attivano per rispondere ai bisogni di circa trenta persone con disabilità, dai 18 ai 55 anni di età, residenti a Gemona e nei comuni limitrofi.

Da sempre il Centro Diurno di Gemona ha cercato di proporsi come un luogo aperto, propositivo e capace di intrecciare rapporti di collaborazione con le realtà del proprio territorio ed è grazie a questi legami, in particolare con il Circolo Culturale Ricreativo di Campo Lessi che la ricorrenza del trentennale viene celebrata nell’ambito della manifestazione più significativa della borgata nella quale è situato il CSRE.

Il programma per domenica 28 Aprile 2013 presso l’area dei festeggiamenti della Sagra di S. Marco a Campo Lessi di Gemona del Friuli viene qui elencato:

ore 10:30 Apertura festeggiamenti per il trentennale del Centro Diurno per persone con disabilità, a seguire inaugurazione della mostra fotografica dal titolo “Impronte nel cemento, una storia di abilità” sulle attività del centro a cura del fotografo Alice BL Durigatto (Associazione Culturale Bravi Ragazzi) e apertura mercatino dei lavori realizzati nei laboratori di attività manuali del CSRE

ore 11:00 “I vin fat trente” testimonianza su trent’anni di progetti, interventi, esperienze in favore delle persone con disabilità. Interverranno Piera Calderini e Roberto Foglietta, educatori che dal 1983 hanno avviato il centro diurno ed altri operatori attualmente in servizio presso il CSRE.

ore 12:00 Stuzzichino e aperitivo proposto dai ragazzi e dagli operatori del CSRE nell’ambito del “Progetto Good Food”.

 

Foto Alice BL Durigatto

LC-16

IL PROGETTO

Il Comitato “Udine Prova ad Immaginarti Migliore” realizza l’iniziativa denominata “Palazzo conTEMPORANEO”,
manifestazione culturale all’interno degli spazi inutilizzati del “Palazzo
UPIM” – ex cinema Eden di Provino Valle – situato a Udine tra Piazza
Belloni, Via Cavour e Via Savorgnana.
Il sito, attualmente di proprietà del gruppo Rizzani De Eccher, verrà
ristrutturato nel 2013. In vista di tale cambiamento del panorama della
città, il Comitato ha ottenuto dalla proprietà dell’immobile il permesso
di accedere e sfruttare i locali del palazzo al fine di renderlo un luogo
in cui gli artisti della regione, i cittadini e i turisti possono riunirsi per
una visione condivisa e partecipata degli spazi comuni, sperimentando
nuovi linguaggi. L’iniziativa, ci teniamo a sottolinearlo, nasce dal basso
e ha carattere culturale, artistico, ricreativo e sociale, nell’intenzione di
valorizzare il territorio e le risorse umane in esso presenti promuovendo
occasioni di partecipazione, sviluppo, aggregazione, coesione sociale e di
solidarietà.

Informazioni sui programmi nei prossimi weekend.
Gallery.

BR_WWD_Day1
BR_WWD_Day1

KEROTOO ha iniziato a dipingere da giovanissimo, nel 2002, mosso dalla passione per la cultura hip hop e la musica rap. Insieme ad altri amici, ebbe la possibilità di conoscere Boost, famoso writer di Udine, che insegnò loro la filosofia che sta alla base del graffittismo, l’importanza della comunicazione di messaggi attraverso il disegno o il writing e quanto sia fondamentale il continuo studio per migliorare ed accrescere il proprio stile personale.
Da quel momento in avanti, Kerotoo ha iniziato a dipingere ovunque, sperimentandosi e cercando le proprie linee. Il suo stile poliedrico adatta l’opera al contesto socio-ambientale in cui è inserita, è influenzato tanto dall’espressionismo astratto quanto dalla pittura rinascimentale che riesce a fondere padroneggiando svariate tecniche.
Ama il movimento delle lettere, specie se tortuose fino ad essere difficili da comprendere, quasi criptiche.
Nell’ultimo periodo, utilizzando il suo talento anche per l’arte figurativa, ha iniziato a unire i diversi stili e forme, mescolando il “lettering” ad immagini e a sfondi, creando lavori nei quali gli elementi diversi si fondono in un tutt’uno armonico.
Per Kerotoo l’arte detiene il potere di cambiare le cose, di qualsiasi cambiamento si tratti, per questo è importante portare avanti un messaggio positivo attraverso i propri lavori.

BR_WWD_Day1

SCARPA ha iniziato il proprio percorso artistico facendo graffiti sulle pareti del gemonese ma il disegno ha sempre fatto parte di lui e delle sue maggiori passioni.
Il suo stile è caratterizzato da una predilezione per gli elementi figurativi rispetto al lettering, che rimane in secondo piano. Per Scarpa, ciò che è importante sono la storia e il messaggio comunicati attraverso la pittura. Dalla passione per l’iperrealismo è passato poi allo studio di forme più stilizzate, dove il tratto è il principale mezzo di comunicazione e riconoscimento dell’artista. Scarpa ha inoltre una passione per il tipico stile delle vetrate: colori marcati e separati da contorni decisi e neri che frammentano l’immagine globale. La sua passione è diventata ormai un lavoro a tempo pieno: grazie al suo talento e alla sapienza nel disegno e nell’utilizzo degli strumenti di grafica, l’artista gemonese si occupa attualmente di produzioni grafiche e aerografie. Lavorando su caschi, moto e carrozzerie di auto, è passato dagli ampi contorni dei murales a un’attenzione dettagliata per i particolari.

BR_WWD_Day1

ZONE ONE è un artista di origine triestina ma ormai residente in Francia. I suoi lavori traggono ispirazione tanto dalla grafica quanto dall’iperrealismo fotografico, con un’attenzione particolare alla chiarezza del messaggio e all’ironia di giochi di parole e concetti.

BR_WWD_Day1

PAOLO BRASA dice:
“ho cominciato a dipingere quando avevo 17 anni perché mi piacevano le frasi d’amore scritte sui muri e volevo contribuire anch’io a quella scena romantica.. i graffiti di ogni genere lasciavano immaginare persone e storie intrecciate nel tessuto urbano.
Per me i graffiti sono strumento di espressione personale e di comunicazione pubblica e penso che questa dualità tra pubblico e privato sia la forza dei graffiti. l’arte, e soprattutto i graffiti, devono essere utili e portatori di un messaggio positivo, devono aprire la mente delle persone. l’arte non cambierà il mondo ma potrà sicuramente contribuire a migliorarlo, ed è per questo che amo dipingere in strada, in mezzo alle persone, creando gallerie a cielo aperto fruibili a tutti.
E poi, i graffiti hanno l’incredibile capacità di creare socialità e situazioni di scambio umano tra le persone che dipingono insieme.. è un po’ come agire uniti per la stessa causa e con gli stessi intenti, ma ognuno a modo suo, col suo stile e i propri pensieri.
Tutto questo penso che contribuisca a migliorare le cose, o se non altro, a crearne di buone. Basta questo.”

BR_WWD_Day1

Con un nome dalle origini antiche e ancestrali, MALAKKAI (in Ebraico “mio messaggero”) è uno street artist spagnolo di Almeria che attualmente vive a Girona.
Dipinge da tutta la vita, forse perchè non ha mai avuto playstation e videogiochi “e in qualche modo dovevo riempire il tempo.”
Nel 2000, ispirato da uno street artist da lui molto amato, iniziò a dipingere sui muri di Almeria. La sua arte non è mai stata legata al mondo ed alla cultura hip hop; per lui i graffiti riescono ad essere una specie di terapia perchè dipingere è una continua crescita personale.
Predilige le aree abbandonate dove le pareti riescono a comunicare e a dirigere il lavoro dell’artista rispetto al loro vissuto. La comunicazione intima che si crea nei suoi dipinti, quando lavora a casa su fogli di carta, si trasforma in una relazione continua con lo spazio aperto e con gli altri artisti con i quali lavora.

L’aspetto più importante della sua arte è dunque la creazione di relazioni che nascono, sia con gli artisti con cui ha lavorato e lavora, sia con le persone che fruiscono della sua arte, imprescindibilmente, in modo gratuito.

Il suo tratto distintivo è l’atmosfera sognante dei suoi personaggi, che si richiamano tanto alle culture orientali quanto al surrealismo dello scorso secolo. Anche se il suo stile è in continua crescita ed espansione, adora le linee dell’arte orientale e dell’europeo Schiele, di cui ama soprattutto la forma nodosa delle giunture delle mani.

DSCN7145

Giornata mondiale dell’acqua 2013 – Udine

Murales sull’acqua

Descrizione dell’opera

Riconoscendo il ruolo dell’arte come mezzo di comunicazione e sensibilizzazione, il Ce.V.I. Centro di Volontariato Internazionale, l’associazione studentesca “NeoAteneo” e l’associazione culturale “Bravi Ragazzi”, in collaborazione con l’Università di Udine, realizzeranno un grande e importante murales collettivo in occasione della “Giornata mondiale dell’acqua 2013”. 

L’opera si eseguirà sulla parete dell’edificio situato di fronte all’entrata del Polo Scientifico dell’Università di Udine ai Rizzi e avrà, come tema centrale, l’acqua bene comune. Un bene che abbiamo il dovere di preservare eliminando gli sprechi, gli usi non sostenibili, l’inquinamento ed evitando la mercificazione, in favore di una gestione pubblica e partecipata, di un uso consapevole e di un’educazione permanente dei cittadini. Solo con un’efficace cooperazione tra istituzioni ad ogni livello, cittadini, enti, associazioni, comunità locali si potrà garantire in modo stabile nel tempo il diritto all’acqua per tutti.

Il concept artistico sarà sviluppato attraverso immagini dove sarà sviluppata l’idealizzazione della materia acqua e dei concetti ancestrali e positivi ad essa legati: fonte di vita di tutte le creature e bene comune che dev’essere condiviso a fronte dell’idea materiale data dalla mercificazione della stessa: la privatizzazione e la trasformazione dell’acqua in fonte di guadagno, lo spreco e l’inquinamento.

Lo sfondo sarà composto da texture e giochi di luce e colori, grazie all’utilizzo sapiente di idropitture e acqua, didascalie in stile tipografico che rafforzano il concetto del soggetto principale.

L’impaginazione della parete sarà di stampo prettamente grafico, mescolando alle sintesi grafiche dei soggetti alcuni dettagli iperrealistici. L’obiettivo è di sfruttare al meglio le caratteristiche stilistiche degli artisti per ottenere una parete omogenea, in cui difficilmente si possa individuare la mano del singolo a favore dell’opera collettiva e del messaggio.

Cooperare per l’Acqua

Nel dicembre 2010, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha dichiarato il 2013 come l’Anno internazionale delle Nazioni Unite per la Cooperazione sull’acqua.

Anche la Giornata Mondiale dell’Acqua, che si terrà il 22 marzo 2013, sarà dedicata alla cooperazione sull’acqua.

L’obiettivo che l’ONU si è posto con l’Anno Internazionale è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica, sia sulla possibilità di accrescere la cooperazione, sia sulle sfide che ci attendono alla luce del continuo aumento della domanda di accesso all’acqua e dei servizi connessi.

Per cooperazione per l’acqua si intende un concetto ampio e non limitato alle attività di cooperazione internazionale; una visione della cooperazione orientata ad affrontare e risolvere i problemi dell’accesso e della gestione dell’acqua in senso ampio, prendendo in considerazione tutti gli usi e dell’acqua.

L’Anno internazionale per la Cooperazione sull’acqua intende mettere in evidenza le storie di successo delle iniziative di cooperazione sull’acqua, così come mettere a fuoco le tematiche legate all’educazione sull’acqua, alla “diplomazia dell’acqua”, alla gestione delle acque transfrontaliere, al finanziamento della cooperazione, ai quadri giuridici nazionali e internazionali e al legame con gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio.

L’Anno Internazionale per la cooperazione sull’acqua ci offre dunque l’opportunità per promuovere principi e buone pratiche del cooperare per l’acqua basati sul concetto di bene comune, diritto umano e gestione partecipata.

In questo contesto il CeVI intende valorizzare la propria esperienza in materia di cooperazione sull’acqua con l’obiettivo di portare la visione di cooperazione maturata in oltre un decennio di esperienza a livello locale, nazionale e internazionale in collaborazione e in rete con numerose associazioni, comitati, Enti e Istituzioni.

Cos’è per noi la cooperazione per l’acqua:

a) Cooperare per il bene comune a vantaggio della salvaguardia della risorsa e delle comunità locali;

b) Attuare una gestione partecipata dell’acqua a livello di bacino idrografico, nell’ambito del quale realizzare un bilancio idrico e adottare decisioni partecipate sugli usi e sulle priorità, operare con trasparenza e realizzando monitoraggi partecipati;

c) Scambiare le conoscenze e le tecnologie a livello locale, nazionale e internazionale. I brevetti non possono ostacolare la concretizzazione e l’applicazione universale di un diritto umano;

d) Promuovere le  Partnership Pubblico/Pubblico e Pubblico Comunitario;

e) Valorizzare modelli di gestione diversificati adatti al contesto ambientale e socio/culturale locale;

f) Cooperare non per il business bensì per garantire il diritto all’acqua e la salvaguardia del bene comune;

g) Cooperazione! Non competizione;

DSCN7145

(dettaglio del lavoro) Photo Paolo Brasa © 2013

Acqua

Giornata mondiale dell’acqua – iniziative internazionali a Udine 

Un eccezionale murales collettivo sull’acqua sarà realizzato a Udine il 21 marzo 2013 al Polo Scientifico dell’Università degli Studi di Udine. Nello stesso giorno, sempre presso l’Università di Udine, giovani di tutta Italia si incontreranno in preparazione del Forum Europeo dei Giovani per l’Acqua.

In occasione dell’ “Anno Internazionale per la cooperazione per l’Acqua” e della Giornata mondiale dell’acqua che si celebra in tutto il mondo il 22 marzo, Udine sarà al centro di una serie di iniziative di rilievo internazionale promosse sul tema da CeVI – Centro di Volontariato Internazionale – e Associazione studentesca NeoAteneo.

Le manifestazioni per la “giornata mondiale dell’acqua” inizieranno giovedì 21 al mattino con un seminario, realizzato al Polo Scientifico dei Rizzi dell’Università di Udine, preparatorio al “Forum Europeo dei Giovani per l’Acqua”, iniziativa organizzata da CeVI nell’ambito del programma europeo “Gioventù in Azione” in collaborazione con Coordination EAU Île-de-France (Francia), Institut Européen de Recherche sur la Politique de l’Eau (Belgio), Associaciò Catalana d’Enginyeria Sense Fronteres (Spagna), Zavod Voluntariat (Slovenia).

Il seminario è aperto a studenti, amministratori e ai cittadini interessati: nel corso del seminario la delegazione di giovani italiani, selezionata dal CeVI, discuterà temi e proposte per la salvaguardia dell’acqua da presentare ai decisori politici europei durante il Forum Transnazionale che si svolgerà a Padova dal 11 al 14 maggio, al quale parteciperanno oltre 80 giovani di 5 paesi europei. Il relatore d’eccezione del seminario di Udine sarà Riccardo Petrella estensore del primo Manifesto per il Diritto all’Acqua.

Alle 12.30 nel piazzale esterno dell’Università ai Rizzi, avverrà l’inaugurazione dell’eccezionale  murales collettivo sul tema dell’acqua, realizzato grazie alla collaborazione con l’associazione culturale “Bravi Ragazzi” e l’Università di Udine.

I writers selezionati per la realizzazione dell’opera sono quattro tra i più importanti artisti urbani europei: dalla Spagna Malakkai (malakkai.es), dalla Francia l’italo francese Zone One (chromosomestudio.com) e dall’Italia Scarpa (studio-venturini.com) e Kerotoo (kerotoo.it): i 4 artisti europei lavoreranno ininterrottamente per 8 giorni per realizzare uno dei murales più significativi d’Europa sul tema dell’acqua, che sarà dipinto sull’edificio situato di fronte all’ingresso principale del polo Scientifico dei Rizzi.

All’inaugurazione parteciperanno il rettore dell’Università di Udine, Cristiana Compagno, il sindaco di Udine, Furio Honsell, insieme a numerose personalità del mondo accademico e artistico.

Grazie alla collaborazione con WRU, la web radio dell’Università di Udine (webradio.uniud.it) sarà possibile saperne di più sugli artisti e seguire la diretta dell’inaugurazione del murales.

Inoltre, nei giorni 22-24 marzo ci sarà il week-end di mobilitazione nazionale per promuovere la campagna di raccolta firme europea per l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) sull’Acqua Bene Comune e sarà possibile firmare la petizione anche durante tutta la giornata del 21 marzo.

WORLDWaterDAy

Le radici dei nomi Idrogeno e Ossigeno, γεν dal greco, significano generare (wikipedia). Combinati generano Acqua. Ci sono diversi writers che si stanno preparando a toccare un tema fondamentale. Combinati generano arte. Ne vedremo delle belle tra le bolle!

WORLDWaterDAy

macross

Bravi Ragazzi insieme a Macross, Regione Friuli Venezia Giulia e Home Page music Festival prepara un’attività per i giovani artisti!Il progetto mira a sviluppare le capacità di “scrittura urbana” (velocità, armonia, dimensioni, composizione, ecc.) e a mettere in evidenza i giovani talenti nell’ambito del Graffitismo, inteso nel senso più puro e originale: lo studio della lettera. L’attività si articola in 3 fasi: un concorso di arti visive (“Sketch contest”, concorso di preselezione basato su opere su carta), un corso curato da un writer di calibro nazionale (“The battle”, workshop e sfide di lettering) e un’esposizione dei migliori elaborati (“Do not touch”, esposizione di lettering).

Youth Talent:

Giovani creativi in azione!
Descrizione
l progetto targato Homepage Festival è rivolto ai giovani artisti della regione dai 14 ai 35 anni. La partecipazione è gratuita. Nove discipline coinvolte

Youth Talent FVG è il progetto nato dall’iniziativa dell’Associazione Dreamers FVG, già promotrice di Homepage Festival, e finanziato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia grazie al bando Giovani Creativi.

L’iniziativa è destinata ai giovani artisti della regione dai 14 ai 35 anni, con ogni evento in calendario fruibile gratuitamente dai partecipanti e dal pubblico. L’intensa attività formativa darà gli strumenti – per proseguire il proprio lavoro in totale autonomia – ai talenti artistici di maggiore livello selezionati nelle 9 discipline interessate: musica, teatro circense, conduzione spettacoli, grafica digitale, video, fotografia, pittura, installazione, street art.

A partire da dicembre 2012 lo svolgimento dell’intero progetto avverrà nell’arco dei 18 mesi successivi, con uno sviluppo temporale caratterizzato per fasi e aree tematiche

 

Più informazioni sul sito Street Art Youth Talent !